INCONTRO AL RESTAURO – 10 maggio ore 12.45 Chiesa del Gesù. Culto delle reliquie e devozione: la conservazione e il restauro delle lipsanoteche del Gesù Nuovo

INCONTRO AL RESTAURO – III ciclo

RIVOLTO AI FUTURI PROFESSIONISTI DEL RESTAURO E DELLA CONSERVAZIONE

Il Gesù Nuovo tra conservazione e restauro

a cura della sezione storico-artistica della Soprintendenza ABAP per il Comune di Napoli


10 maggio / ore 12.45

Chiesa del Gesù Nuovo

Culto delle reliquie e devozione: la conservazione e il restauro delle lipsanoteche del Gesù Nuovo

Il terzo appuntamento del ciclo “Incontro al restauro” è dedicato al restauro di una delle due lipsanoteche della cappella di San Francesco de Geronimo al Gesù Nuovo. Sessantotto busti reliquiari e due sculture a figura intera, databili tra inizio e fine del XVII secolo, sono conservati in due magnifiche strutture lignee della fine del ‘600: un insieme composto ed articolato dove la storia della scultura lignea si intreccia indissolubilmente con quella della devozione. Reliquie maggiori e minori sono conservate negli alloggiamenti predisposti nelle basi o sul petto e sul capo o all’interno dei busti, a testimonianza dell’importanza attribuita al culto delle reliquie. Nel corso dell’intervento di restauro è stato possibile confrontare nel dettaglio le singole opere per approfondirne il percorso critico e studiare i vari interventi conservativi che si sono susseguiti, anche in funzione della valenza religiosa dei manufatti.

L’intervento, promosso e realizzato grazie alla campagna di fundraising patrocinata dai gesuiti, ha interessato solo una delle lipsanoteche; la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio auspica che a breve si possa procedere anche al restauro dell’altra con il reperimento di nuovi fondi e il coinvolgimento di nuovi finanziatori.
——————————————————————————————

La Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per il Comune di Napoli

in collaborazione con l’ Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli e l’ Accademia di Belle Arti di Napoli promuove il terzo ciclo di “Incontro al restauro” – a cura della sezione storico-artistica.

L’iniziativa si articola in una serie di incontri tesi ad esaminare alcuni aspetti della storia conservativa di un edificio e delle sue opere d’arte e di tutte le varianti legate ai fattori di degrado e agli interventi di restauro che si sono susseguiti nel tempo. Gli incontri sono rivolti, principalmente, a studenti di corsi universitari di istituti abilitati a formare restauratori (Accademia di Belle Arti e Università degli Studi Suor Orsola Benincasa) e dunque ai futuri professionisti del settore della conservazione, ma è aperto anche ad altre università (Università degli Studi di Napoli Federico II).

Indietro