Ufficio Esportazione

Oggetti di Antichità ed Arte di Napoli

Palazzo Reale, Piazza del Plebiscito 1
tel. 0815808205
email: sbeap-na.espovi@beniculturali.it

L’ufficio è aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle ore 14:00
(le Autocertificazioni di Arte Contemporanea si effettuano il mercoledì dalle ore 9:00 alle ore 13:00)

Direttore:
dott.ssa Angela Schiattarella
angela.schiattarella@beniculturali.it

Responsabile amministrativo:
Gennaro Iorio
gennaro.iorio@beniculturali.it
Tel. 3388131181

Assistente:
Stefano Moscatelli

Finalità

L’ufficio è preposto al controllo delle opere d’arte e dei beni librari in entrata ed in uscita dal territorio italiano, ai sensi della legislazione vigente (Codice dei Beni culturali e del Paesaggio, D.lgs.22/01/2004, n. 42; Regolamento CEE n. 3911/92).
Per esportazione/importazione si intende rispettivamente l’uscita dal territorio dell’Unione Europea o l’entrata nello stesso; per spedizione si intende l’entrata/uscita dell’opera in/dall’Italia entro l’ambito doganale dell’Unione Europea.
Il territorio doganale europeo è definito dal Codice Doganale Europeo, art. 3

Presentazione pratiche

La procedura di espletamento delle pratiche di importazione/esportazione avviene tramite il sistema SUE, la piattaforma ufficiale ed obbligatoria per interagire con gli Uffici Esportazione del Mibac.
Fanno eccezione le pratiche di esportazione temporanee per mostra per le quali si utilizzano ancora i modelli cartacei tradizionali.
Per le pratiche d’esportazione definitiva, ovvero per l’ottenimento degli attestati di libera circolazione, dopo la compilazione della domanda online si dovrà attendere, per la presentazione dei beni, la convocazione presso il nostro ufficio o, se richiesta, presso il domicilio del richiedente.

Come effettuare la registrazione al SUE (PDF)

Importante

Per gli attestati di libera circolazione di beni archeologici si richiede di presentare contestualmente alla denuncia anche la documentazione comprovante il legittimo possesso, ovvero la documentazione relativa alla provenienza del bene che dimostri, ai sensi dell’articolo 91 del Decreto legislativo n. 42 del 22 gennaio 2004, che il reperto non proviene da scavo o ritrovamento nel territorio nazionale posteriore all’entrata in vigore della prima legge di tutela del 1909 (ad esempio fatture, atti di aggiudicazione in asta, atti di acquisto fra privati, lasciti testamentari risalenti più indietro possibile nel tempo, corredati di descrizione, misure e fotografia)

Modelli utili

Allegato A1 – Richiesta per il rilascio del Certificato di Avvenuta Importazione da un paese terzo di oggetti di antichità e arte

Allegato B1 – Richiesta per il rilascio del Certificato di Avvenuta Spedizione da uno Stato membro dell’Unione Europea di oggetti di antichità e arte

N.B.: i modelli di cui sopra, debitamente compilati, vanno allegati alla richiesta in formato JPEG con peso non superiore a 1 MB tramite la sezione “Altra fotografie” all’interno della schermata relativa al bene culturale oggetto di importazione.

Allegato C1 – Richiesta rinnovo del Certificato di Avvenuta Importazione da un Paese terzo o del Certificato di Avvenuta Spedizione da uno Stato membro dell’Unione Europea di oggetti d’antichità e arte

N.B.: il modello di cui sopra, debitamente compilato, va allegato alla richiesta cartacea di rinnovo CAS/CAI.

Allegato D1 – Dichiarazione per l’uscita di oggetti d’arte eseguiti da meno di 70 anni e da più di 50

N.B.: il modello di cui sopra, debitamente compilato, va allegato in formato PDF attraverso il comando “Altra documentazione” all’interno della schermata relativa al bene culturale oggetto di esportazione.

Indietro