Ufficio Esportazione

Le richieste per le seguenti pratiche vanno inserite sulla nuova piattaforma SUE https://sue.cultura.gov.it

  1. Autocertificazioni D50
  2. Autocertificazioni AAC
  3. Attestati di Libera Circolazione (ALC)
  4. Licenze di Esportazione Definitiva (LED)
  5. Dichiarazioni per l’uscita di oggetti d’arte eseguiti da più di settant’anni di valore inferiore a 13.500 euro (DVAL)
  6. Le operazioni elencate, salvo i procedimenti già avviati, sono bloccate sul vecchio sistema SUE, che resta attivo anche per ACT, LET, CAS e CAI.

La vidimazione delle Autocertificazioni di Arte Contemporanea si effettua solo il giovedì con le seguenti modalità:
Le richieste vanno caricate nel sistema entro il martedì e i richiedenti saranno convocati entro il mercoledì mattina tramite mail, eventuali ulteriori richieste inserite sul sistema SUE dopo la convocazione saranno prese in carico e lavorate entro il giovedì successivo.

 


Ufficio Esportazione Oggetti di Antichità ed Arte di Napoli 

Palazzo Reale, Piazza del Plebiscito 1
tel. 0815808205 (temporaneamente 0815808280)
PEO: sabap-na.espovi@cultura.gov.it
PEC: sabap-na.ue@pec.cultura.gov.it

L’ufficio è aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle ore 14:00
(le Autocertificazioni di Arte Contemporanea si effettuano il giovedì dalle ore 9:15 alle ore 13:30)

Direttore:
dott. Alessio Cuccaro
alessio.cuccaro@beniculturali.it
Curriculum Vitae
Ordine di servizio

Responsabile amministrativo:
Gennaro Iorio
gennaro.iorio@cultura.gov.it
Tel. 3388131181

Segreteria e supporto amministrativo (Ales):
Stefano Moscatelli

Finalità

L’ufficio è preposto al controllo delle opere d’arte e dei beni librari in entrata ed in uscita dal territorio italiano, ai sensi della legislazione vigente (Codice dei Beni culturali e del Paesaggio, D.lgs.22/01/2004, n. 42; Regolamento CEE n. 3911/92).
Per esportazione/importazione si intende rispettivamente l’uscita dal territorio dell’Unione Europea o l’entrata nello stesso; per spedizione si intende l’entrata/uscita dell’opera in/dall’Italia entro l’ambito doganale dell’Unione Europea.
Il territorio doganale europeo è definito dal Codice Doganale Europeo, art. 3.

Importante

Per l’uscita di opere con valore inferiore a €13.500 aventi più di 70 anni bisogna presentare apposita istanza di Dichiarazione per l’uscita di oggetti d’arte eseguiti da più di 70 anni e di valore inferiore a 13.500 euro (DVAL).

Per gli attestati di libera circolazione di beni archeologici si richiede di presentare contestualmente alla denuncia anche la documentazione comprovante il legittimo possesso, ovvero la documentazione relativa alla provenienza del bene che dimostri, ai sensi dell’articolo 91 del Decreto legislativo n. 42 del 22 gennaio 2004, che il reperto non proviene da scavo o ritrovamento nel territorio nazionale posteriore all’entrata in vigore della prima legge di tutela del 1909 (ad esempio fatture, atti di aggiudicazione in asta, atti di acquisto fra privati, lasciti testamentari risalenti più indietro possibile nel tempo, corredati di descrizione, misure e fotografia).

 

Indietro